Posted on

La battaglia delle Egadi

BY: Massimo De Filippo / 0 COMMENTS / CATEGORY: Senza categoria

La battaglia delle Egadi e l’errore storico su Cala Rossa.

Avvicinandosi nei pressi della cala più famosa di Favignana, cominceranno a spiegare che il nome viene dalla colorazione del sangue.

Questo la storia dice, che questo avvenne durante la battaglia delle Egadi, nel 241 a.C.

Ma in realtà, così non fu…

… “Quel 10 marzo la flotta con trecento navi allestita da Roma spremendo le ultime risorse, all’altezza di Levanzo tese un agguato alla formazione cartaginese, forte di 120 unità da guerra e 130 navi cargo cariche di grano e altri aiuti per sostenere le truppe di Amilcare Barca sfinite dalla lotta alle falde del Monte Erice.

Sbucando all’improvviso dal riparo dell’isola di Levanzo i romani si schierarono formando un muro di scafi davanti alla flotta nemica.

I cartaginesi ammainarono le vele e accettarono il combattimento.

Più di cinquecento navi in totale, con a bordo duecentomila uomini, si lanciarono a forza di remi le une contro le altre cercando di affondarsi a vicenda a colpi di rostro e di arrembaggi.

Trenta navi della Repubblica romana e cinquanta cartaginesi colarono a picco in un’area di appena due chilometri quadrati tra Levanzo e Marettimo

Si assegnò così a Roma la vittoria della prima guerra punica”…

Quindi non a Favignana, ma a Levanzo.

Ad oggi già 12 rostri sono stati ritrovati sui fondali dell’arcipelago

Certo che è molto suggestivo, per quanto un tantino cruento, attribuire ad un fatto di sangue il nome della più famosa tra le cale di Favignana.

Ma la realtà storica deve sempre essere aggiornata, senza confonderla con quella di una fiction televisiva.

Comunque, le modalità con cui nel tempo si è voluto chiamare questo paradisiaco luogo, non inficiano certo, né la qualità, né la magia che lo contraddistingue.

Ma tutta l’isola, o meglio l’arcipelago, rappresentano un luogo che dopo la visitata, ci si chiede del perché non lo si abbia fatto prima!


Post a Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto