Posted on

Isole Egadi, la giornata tipo con Didì

BY: Massimo De Filippo / 0 COMMENTS / CATEGORY: Senza categoria

Isole Egadi, la giornata tipo con Didì, come si svolge ?

Il ritrovo è fissato al Marina dove la Didì è ormeggiata, al Vento di Maestrale, nella zona di ponente del porto, nella zona dove si svolge il mercato del pesce, vicino all’ormeggio dei pescherecci.

Sempre nei pressi di quelle che furono “le baracche” di Trapani, Ovest delle Mura di Tramontana che concludono alla Torre Ligny.

Un bellissimo bar vi permetterà di fare colazione o di prendere semplicemente un caffè.

Anche se raccomando a chi teme di soffrire il mal di mare, di assumere liquidi mangiando asciutto e possibilmente salato.

Ci siamo tutti ? Bene si sale a bordo, la Didì è pronta per accoglierci.

  • la Didì all'ormeggio

Finalmente si parte e dopo una breve navigazione a motore per uscire dal grande porto che ci fronteggia, appena fuori siamo autorizzati ad aprire le vele;

quindi “prua al vento” e su la randa, la vela grande o principale, come viene definita all’estero.

Già la nostra velocità aumenta e quindi significa che abbiamo aria sufficiente per veleggiare, ed allora mettiamo il motore in folle prima di aprire il Genoa, la vela anteriore.

Il genoa non si issa ma si srotola; abbiamo normalmente Grecale e dopo avere lascato la randa, rilasciando un poco la scotta che trattiene il boma, mettiamo “in chiaro”, cioè lasciamo bella libera la scotta genoa di dritta (destra)

Anche la sagolina del rollafiocco che tiene arrotolato il genoa la mettiamo in chiaro ed a questo punto vai con l’apertura.

Dieci nodi di vento, bellissimo, possiamo spegnere il motore e goderci solo lo sciabordio del mare ed il soffio del vento. Andiamo a 5 nodi e va benissimo così.

Tra un’ora e mezza circa saremo a Favignana, Isole Egadi, giornata tipo con Didì? L’inizio è promettente!

Verso Favignana

A metà percorso alla nostra destra vediamo l’isola di Formica: ex tonnara è oggi sede di MondoX, comunità di recupero. Non è visitabile ed è un peccato. Già da lontano si vede quanto è bella.

Formica

Ecco finalmente Cala Rossa, inconfondibile con il suo azzurro che la fa sembrare una piscina naturale. Ancoriamo qui e la presenza di altre barche non rovina il luogo: il posto c’è!

La scaletta è in acqua, la tavoletta e la ciambella pure, la doccia calda è pronta.

Disponibili maschere, boccagli e pinne per gli snorkelisti

I pesci ci danno il benvenuto, sanno bene che a breve arriverà qualcosa di buono anche per loro…Cala Rossa FavignanaCala rossa Favignana

Cala rossaLevanzo

 

Bene ragazzi, sguazzate per bene, io vado a preparare il pranzo

 

 

 

pranzo a bordo

Pranzo a Bordo

 

 

Mangiato bene, che dite, andiamo a Levanzo? Ovviamente siete tutti d’accordo; la brezza c’è e dolcemente tra un’oretta saremo lì. Durante la navigazione prendete il sole: unico impegno a bordo divertimento e relax !

Levanzorelax sulla tuga

A Levanzo vedrete Cala Dogana, cioè il porticciolo, Cala Azzurra e Cala Minnola, oppure il Faraglione e Cala Camaro. Ovviamente sarete Voi a scegliere, o forse il mare…

E’ venuta l’ora di rientrare a Trapani, anche perché ci aspetta un’altra ora e mezza di navigazione. Il bello è che raramente si torna a motore, ma anzi una splendida veleggiata ci aspetta


Post a Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto